Vai ai contenuti

Menu principale:

Eiaculazioni precoce - Scopriamola

Eiaculazioni Precoce - Alla sua scoperta

Eiaculazioni precoci - Panoramica
Quando si fa sesso la prima volta o comunque si è alle prime armi, l’eiaculazione precoce può sicuramente sorgere come problema devastante per la propria virilità e per la propria affermazione sessuale. 

Ciò accade per tanti motivi, ma spesso, è il fattore psicologico quello fondamentale che, avallato da molteplici situazioni di ansia ed insicurezza, può condurre ad uno stato tale da non riuscire a controllare il processo eiaculatorio. Naturalmente ciò può accadere ed accade anche in altre situazioni che non sono strettamente contemplate fra le prime occasioni di approccio all’esperienza sessuale.
La prima cosa che bisogna capire è se effettivamente il problema può essere o meno di natura fisica: per accertarsi di ciò, occorre sottoporsi ad analisi specifiche che può prescrivere solo un medico specializzato in urologia. Ma, in linea più generica, si può affermare che, soprattutto in giovane età, è il fattore psicologico e la condizione psicosociale che causa una condizione di eiaculazione precoce.

Infatti, fra le principali cause psicologiche afferenti alle eiaculazioni precoci e che interessano il mondo dei giovanissimi abbiamo diversi fattori:

- l’ansia da prestazione: la necessità di dover quindi dimostrare di essere il migliore a letto, il classico “stallone” così decantato dalla società e l’unico capace di essere apprezzato dalle donne. In realtà, dietro questa insicurezza si cela la propria inesperienza e la volontà di affermarsi nel mondo degli adulti anche attraverso l’atto sessuale completo, esperienza che fa salire di un gradino la propria “posizione sociale” davanti agli amici e alle ragazze. Sempre nell’ansia da prestazione, possiamo far rientrare anche la paura del soggetto di perdere l’erezione, che si può finalizzare in un rapporto veloce e contraddistinto quindi da un’eiaculazione precoce;

- il senso di colpa: questa condizione genera spesso situazioni di eiaculazione precoce all’interno del rapporto sessuale e ciò accade per vari motivi. Generalmente, chi fa sesso per la prima volta può provare senso di colpa poiché trasgredisce ad una “norma” educativo – religiosa che vieterebbe i rapporti sessuali prima del matrimonio, ma la stessa situazione può essere provata da chi tradisce la propria compagna;

- dimensioni del pene: anche questo può essere un fattore che inibisce il pieno controllo dell’eiaculazione precoce e che quindi può generare maggiore senso di frustrazione nel ragazzo che si appresta per la prima volta al sesso. Medesimo discorso vale anche per l’uomo che, pur essendo già veterano nel campo sessuale, può provare imbarazzo per le dimensione del proprio pene;

- sporadicità dei rapporti sessuali: quando la pratica sessuale non è protratta nel tempo, il soggetto tende maggiormente a soffrire di eiaculazione precoce, un po’ come quando un atleta resta fermo a lungo e vuole riprende poi subito a correre non raggiungendo, però, le prestazioni desiderate.

C’è poi un misto di sensazioni che è forte concausa dell’eiaculazione precoce e che coinvolge prettamente la sfera psico – sociale dell’individuo come la paura di gravidanze indesiderate e delle malattie sessualmente trasmissibili. Ad ogni modo, la cosa importante è sempre quella di essere risolutivi e di cercare di porre rimedio al proprio problema di eiaculazioni precoce, di non condannarsi l’intero iter della sessualità per una o più defaillances, poiché nella maggioranza dei casi il problema è solo nella testa del soggetto interessato.

Un RIMEDIO IMMEDIATO

Fa le varie tecniche sicure ed efficaci proposte dagli specialisti per controllare e porre fine all’eiaculazione precoce vi è la respirazione, sicuramente uno dei metodi ideali per intraprendere un percorso verso una conoscenza migliore e più profonda del proprio corpo che conduce, inevitabilmente, ad ottenere un maggiore controllo su sé stessi e sulle proprie emozioni.

Anche se spesso non ce ne accorgiamo, il respiro accompagna le nostre sensazioni: paura, rabbia, felicità, sgomento, eccitazione vengono modulati in modo quasi inconscio dal nostro corpo e scanditi attraverso la velocità e la lunghezza del respiro. Durante il sesso, così come nella fase dei preliminari, il respiro tende man mano ad aumentare, sia per quanto riguarda l’intensità, che per quanto concerne la lunghezza e la velocità: più si sarà eccitati e più il respiro sarà corto, veloce e concitato. 

Questa condizione, sebbene non sempre avvertita in modo lucido, può essere un segnale del corpo per dire che, utilizzando un paragone più o meno improprio con l’automobile, si sta “correndo troppo” e che quindi è necessario tirare il freno e riprendere la giusta dose di calma adeguata per affrontare nel modo più sereno un rapporto.

Chi soffre di eiaculazione precoce non ha generalmente il controllo delle proprie emozioni e dei propri tempi, ma, come ben si sa, il respiro è un fattore che si può gestire in modo molto semplice e, con un minimo di pratica e di tenacia, la respirazione potrà essere una delle alleate migliori verso la risoluzione dell’eiaculazione precoce vinta in modo naturale e soprattutto senza farmaci.

Educarsi al respiro

Sia prima che durante il rapporto è quindi utile praticare alcuni esercizi di respirazione molto semplici per almeno due minuti, così come occorrerà ripetere gli stessi anche durante il rapporto, al fine di eliminare la tensione psicologica e muscolare e riuscire a gestire la propria eiaculazione precoce. Considerando che le posizioni dell’amore migliori per chi soffre di eiaculazione precoce sono quelle dove è la donna a gestire i ritmi, non sarà molto facile per voi riuscire a modulare i respiri, senza troppa enfasi, durante il rapporto.

Uno degli esercizi di respirazione più semplici e facile da eseguire prima e durante il rapporto sessuale, è quello che prevede di incanalare lentamente l’aria dalle narici fino alla pancia, riempiendola completamente d’aria come fosse una sorta di palloncino. Sempre poi con la stessa lentezza, fate fuoriuscire l’aria dalla bocca in modo da sgonfiare il “palloncino”.

Sebbene le prime volte potrà essere inusuale se non sembrarvi addirittura impossibile riuscire ad effettuare degli esercizi di respirazione mentre si fa sesso, col tempo il vostro corpo e la vostra mente attueranno quasi senza che ve ne accorgiate questa tecnica che andrà a tutto beneficio del vostro rapporto sessuale e di coppia.

Approfonsci le tecniche su www.eiaculazionecontrollata.com
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu